Come eliminare la crosta lattea?


come eliminare la crosta lattea

Nei primi mesi di vita, uno dei più fastidiosi problemi nel quale possono scontrarsi i neonati è la crosta lattea.

Seppur non essendo un problema che da particolarmente fastidio al bambino (unica eccezione sono i casi molto gravi), si tratta di un disturbo non certo simpatico da affrontare, anche perché rovina il lato estetico del piccolo capolavoro che avete appena creato.

In questa breve guida cercheremo di capire cosa sia esattamente la crosta lattea e quali sono i metodi principali per rimuoverla.


Che cos’è la crosta lattea?

La crosta lattea è un disturbo cutaneo dei neonati che solitamente può comparire dalla nascita sino ai 3 mesi del bambino.

Si presenta come un insieme di squame e piccole crosticine giallognole, che compaiono di solito sulla testa del bambino, ma può interessare anche alcune zone del viso o le pieghe dell’inguine.

Dal punto di vista medico viene definita come dermatite seborroica Opens in a new tab.e si tratta di un disturbo che di solito è asintomatico per il piccolo e non causa particolare fastidio.

E’ dunque un problema che interessa principalmente il lato estetico del neonato, perché la crosta lattea incide talvolta pesantemente sull’aspetto del piccolo.

La causa del problema è un’eccessiva produzione di sebo del piccolo, le cui cause non sono certe, ma si ipotizza un collegamento con gli ormoni della mamma, che sono ancora in circolo nel piccolo, poiché trasmessi durante l’allattamento tramite il latte.


Da dove deriva il nome crosta lattea?

Crosta lattea è il nome con cui viene definita in italiano la dermatite seborroica e ha origini antiche.

In passato infatti si collegava il problema al latte materno, che veniva reputato causa del fastidio.

Oggi la scienza ha negato che il latte ne sia effettivamente la causa diretta, come è stato negato un collegamento con la scarsa igiene del neonato, infezioni, intolleranze o altri problemi simili che in passato venivano reputati possibili cause.


3 consigli per rimuovere efficacemente la crosta lattea

Anche se il bambino può sopportare senza alcun problema la crosta lattea, è indubbio che questo fastidio sia esteticamente insopportabile.

Per questo motivo esistono alcune semplici soluzioni per cercare di attenuare con efficacia il problema.

Nelle righe che seguono trovate l’elenco di alcuni consigli che possono risultare molto utili nella lotta a questo problema cutaneo.


#1 Lavare i capelli non troppo spesso

Spesso in caso di presenza di crosta lattea, il lavaggio dei capelli del bambino è indispensabile, ma cercate di non abusarne perché potrebbe diventare controproducente.

Si consiglia di lavare la testa del bambino ogni 2 o 3 giorni e non più spesso.

Durante il lavaggio potete utilizzare uno shampoo apposito per la prevenzione e cura della crosta lattea come quello che trovate qui di seguito.

Offerta
Mustela Shampoo Mousse 2019-150 Gr Opens in a new tab.
  • Deterge delicatamente i capelli
  • Previene la comparsa della crosta lattea
  • Non brucia gli occhi

#2 Detergere con oli vegetali

E’ inoltre consigliato detergere la testa del bambino con oli vegetali e naturali per ammorbidire la crosta lattea e agevolare l’eliminazione delle croste.

Anche in questo caso vi occorrerà un prodotto specifico come quello che trovate cliccando sul box che segue.

Offerta
Mustela Trattamento Crosta Lattea - 40 Gr Opens in a new tab.
  • Formulazione ipoallergenica
  • Elevata tollerabilità cutanea
  • Senza profumo

#3 Usare un pettine per eliminare le croste

Una volta ammorbidita la crosta è necessario eliminarla. Poiché non è poi così semplice, è meglio aiutarsi con un pettine a denti stretti.

Quello per eliminare i pidocchi può andare benissimo, altrimenti ne esistono diversi modelli in vendita a pochi euro.

Offerta
Chicco 65691 Spazzola e Pettine, Rosa Opens in a new tab.
  • Set di spazzola e pettine progettati per la delicata cura dei bambini
  • I denti del pettine sono arrotondati
  • Grandi impugnature per un ottima maneggevolezza
  • Prodotti di qualità ottimale

La crosta lattea puzza?

Si la crosta lattea potrebbe avere un cattivo odore, ma come già detto in precedenza non è nulla di grave, dunque limitatevi a trattarla come abbiamo appena visto per ridurre anche in suo odore sgradevole.


La crosta lattea fa male al bambino?

Per quanto la crosta lattea sia un brutto problema che può affliggere i neonati, fortunatamente è completamente asintomatica anche nella sua peggiore delle forme.

Ciò significa che il bambino può avere fastidio provocato dalla crosta, ma non dovrebbe avere male in nessun caso.


La crosta lattea causa prurito?

Per quanto fastidiosa possa essere, la crosta lattea nella gran parte dei casi non provoca prurito.

Ciò significa che il bambino non tenderà a grattarsi o a rimuoverla, non ci saranno quindi neanche queste possibili spiacevoli conseguenze.


Quando scompare la crosta lattea?

La durata della crosta lattea nel neonato è molto variabile e cambia da neonato a neonato.

Il fastidio può permanere solo alcune settimane oppure durare più a lungo, magari alternando periodi acuti ad altri più leggeri.

Solitamente non dovrebbe mai superare i 3 mesi di vita del bambino, ma talvolta giunge sino ai 6 mesi.

La crosta lattea scompare da sola, non è necessaria alcuna cura. I metodi che abbiamo visto nei paragrafi precedenti hanno il solo scopo di attenuare il fastidio.


Potrebbe anche interessarti:

Ultimo aggiornamento 2020-11-23 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Recent Content

© 2020 Copyright Casa e Bimbi