Come fare il caffè su piastra a induzione?


come fare il caffè su piastra induzione

Ne abbiamo già parlato in precedenza più volte ed è sempre la stessa questione: l’alluminio non è purtroppo compatibile con i piani ad induzione e le caffettiere che noi tutti abbiamo in casa di solito hanno qualche anno e sono realizzate completamente in alluminio.

Come già abbiamo accennato nella nostra guida “Come usare pentole normali su piani ad induzione” o proprio nella guida “Quale caffettiera usare sui piani ad induzione” esistono delle soluzioni, che vogliamo proporvi in questo articolo.


Primo step: prepariamo la caffettiera

Per riuscire a preparare un caffè su un piano ad induzione, non occorrono grandissimi preparativi, se non quelli classici della preparazione del caffè, dunque:

  • Svitate la caffettiera, separando la parte superiore da quella inferiore;
  • Eliminate il filtro per il caffè posto al centro;
  • Riempite di acqua il serbatoio inferiore;
  • Inserite il filtro e riempitelo di caffè macinato;
  • Avvitate la parte superiore.

Il gioco è fatto!


Articoli consigliati:


Secondo step: la moka sulla piastra (soluzione gratuita)

Una volta preparato il caffè, sappiamo benissimo che posizionando la caffettiera sulla piastra ad induzione non funzionerà affatto.

A questo punto occorre trovare qualcosa che sia in grado di funzionare su una piastra ad induzione.

La migliore soluzione a mio avviso in questo caso è quella di utilizzare una pentole o una padella adatta all’induzione.

Se ne avete una in casa, prendetela, posizionatela sul piano, accendetelo e inseritevi all’interno la caffettiera.

La padella sarà in grado di trasmettere il calore alla caffettiera e voi riuscirete a godervi il vostro bel caffè.

Per evitare di rovinare la padella, potete mettere all’interno un po d’acqua.

Il lato positivo di questo procedimento è che non costa nulla.

Il lato negativo è che la dispersione di calore tra la padella e la caffettiera è abbastanza importante e il caffè avrà bisogno di un po di tempo per fuoriuscire completamente (direi circa 10 minuti).

E’ la soluzione che io stesso ho usato quotidianamente, quando ho vissuto per 8 mesi a Strasburgo e mi sono ritrovato inaspettatamente un piano ad induzione a casa.

Ai tempi non ero però a conoscenza dell’esistenza di uno strumento che mi sarebbe potuto essere molto utile, che vi spiego nel prossimo paragrafo.


Terzo step: moka sulla piastra e soluzione abbastanza economica

Quando scoprì che esistono degli strumenti adatti proprio a rimediare a questo tipo di problemi, mi meravigliai parecchio perché ne ignoravo l’esistenza.

Esistono infatti delle piastre che, posizionate sul fornello ad induzione, sono capaci di trasmettere il calore a ciò che vi posizionate sopra (come ad esempio una caffettiera) e ne consentono in questo modo il funzionamento.

Alcune sono poi appositamente concepite per le moka e prodotte da grandi produttori di questo settore, come quella che vi propongo si seguito realizzata dalla BialettiOpens in a new tab..

Bialetti Moka Piattello per Induzione, Adatto per caffettiere Fino a 6 Tazze e pentolame di Piccole Dimensioni, 25.5 x 13 x 5.5 cm, Acciaio Opens in a new tab.
  • Adattatore per l’utilizzo di caffettiere e pentolame su piani di cottura a induzione
  • Materiali di qualità: corpo in acciaio ad alto spessore, per una ottima trasmissione del calore
  • Multifunzione: adatto per caffettiere fino a 6 tazze e pentolame di piccole dimensioni
  • Corpo in acciaio ad alto spessore, per un'ottima trasmissione del calore

Questo tipo di piastre funziona molto bene e rappresentano un grande aiuto tutte quelle volte che ci troviamo in simili situazioni.


Quarto step: moka sulla piastra e soluzione più costosa (ma definitiva)

Se nessuna delle soluzioni proposte in precedenza ti convince, mi dispiace, ma devo dirti che è arrivato il momento della soluzione più drastica: il cambio della moka!

Col tempo infatti anche la produzione delle caffettiere si è adeguata ai piani ad induzione e le moka di oggi vengono prodotte principalmente in 2 diversi materiali:

  • Acciaio: che è adatto all’induzione, molto resistente e ha anche un bel design lucente;
  • Alluminio, al quale viene aggiunto un fondo multimateriale che permette l’utilizzo sulle piastre a induzione.

Bisogna ammettere che le caffettiere realizzate in acciaio sono attualmente molte di più rispetto a quelle in alluminio.

Abbiamo quindi assistito negli anni ad un’evoluzione nel materiale di realizzazione delle moka che le ha viste tendenzialmente passare dal classico alluminio all’acciaio.

Per l’acquisto della moka adatta, bisogna ammettere come esista un vasto assortimento di modelli da scegliere.

Basta una breve occhiata su Amazon per rendervene conto.

In mezzo a tutto questo caos di offerta, noi di casaebimbi.com abbiamo provato a fare un po di chiarezza selezionando le migliori moka adatte ad induzione, che se volete potete trovare nella nostra guida disponibile a questo linkOpens in a new tab..

La scelta non è semplice, visto proprio l’imbarazzo della scelta, ma con la nostra guida riceverete un supporto concreto che vi guiderà nella scelta dei modelli migliori, quindi dateci un’occhiata.


Potrebbe anche interessarti:

Ultimo aggiornamento 2020-11-23 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Recent Content

© 2020 Copyright Casa e Bimbi