Misuratori di pressione automatici sono affidabili?

Misuratori di pressione automatici sono affidabili

Sono trascorsi oramai moltissimi anni da quando era necessario andare dal medico per misurarsi la pressione. La tecnologia ha fatto passi da gigante nel settore medico e al giorno d’oggi è semplice riuscire a fare molte operazioni un tempo complesse, direttamente a casa, acquistando un semplice apparecchio, che può costare anche pochi euro.

Certo è che rimane il dubbio su quanto simili apparecchi possano essere affidabili e su quanto si possa rimettere la propria fiducia su simili misurazioni.

Occorre dire che simili prodotti hanno avuto un vero e proprio boom, da quando la pandemia di Coronavirus ci ha colpito.

Le persone tendono a mantenere maggiormente sotto controllo la propria salute e, specie le persone anziane, sono molto più attente sulle loro condizioni generali.

E’ questo il motivo che oggi ci porta a prendere in considerazione i misuratori di pressione automatici, poiché è possibile che ognuno di noi ne possegga uno in casa.

Cercheremo di comprendere quanto simili apparecchi possano essere affidabili, provando a capire se valga la pena acquistarne uno oppure no.

Per farlo, andremo ad analizzare prima quali possano essere gli apparecchi più accurati per evitare errori di misurazione, per poi consultare uno studio sul settore dell’Università di Alberta in Canada, i cui risultati sono anche stati pubblicati sull’American Journal of Hypertension.


Quali apparecchi scegliere per una misurazione accurata?

Come abbiamo già avuto occasione di ribadire in precedenza, sul mercato sono al giorno d’oggi disponibili numerosi e diversi misuratori di pressione automatici.

Quando ci si appresta ad acquistarne uno occorre però prestare un pizzico di attenzione. Se solo per comodità si consulta lo store di Amazon, troverete numerose apparecchi tra cui scegliere, ma ad una analisi più approfondita è semplice notare come questi prodotti sono in gran parte di produzione cinese, con pochi controlli all’origine.

Se l’esatta misurazione della pressione è una vostra preoccupazione, il mio consiglio è quello di prediligere l’acquisto su canali differenti e più affidabili.

Una possibilità è quello dell’acquisto diretto in farmacia, che è sicuramente una fonte maggiormente sicura per l’acquisto di apparecchi medico-sanitari.

Al giorno d’oggi anche le farmacie danno la possibilità di concludere i propri acquisti online, se proprio preferite l’acquisto a distanza.

Una delle farmacie meglio fornite è sicuramente Efarma.com, che mette a disposizione un ampio assortimento di misuratori di pressione.


Il test sui misuratori di pressione automatici

La ricerca dell’università di Alberta ha analizzato decine di dozzine di misuratori di pressione automatici, messi a disposizione per un totale di 85 pazienti di un’età compresa tra i 60 e i 70 anni.

A tutti i pazienti è stato messo a disposizione un misuratore di pressione automatico da polso o da braccio e sono stati invitati a prendere numerose misurazioni durante la giornata.

I risultati ottenuti dai pazienti in casa sono poi stati messi in paragone con altre misurazioni effettuate da 2 medici professionisti utilizzando un classico sfigmomanometro a mercurio.


I risultati dei test

I risultati dell’analisi sono stati abbastanza duri da digerire. Pare infatti che ben il 70% delle misurazioni casalinghe presentasse un margine di errore nella rilevazione di almeno 5 mmgH, mentre nel 30% dei test l’errore raggiungeva addirittura 10 mmgH.

L’errore si è presentato indistintamente sia presso i pazienti uomini, che presso i pazienti donna, con una leggera prevalenza dei primi rispetto alle seconde.


Quali sono i motivi di questi errori?

Secondo i ricercatori, i motivi di questo errore sono riconducibili a diversi fattori. La ricerca non entra nel merito delle modalità di rilevamento della pressione arteriosa, poiché questo meccanismo è coperto da segreto industriale, ma ha rilevato alcune disattenzioni nella progettazione degli apparecchi.

Innanzitutto i 3 principali fattori che influenzano il risultato, ai quali le aziende produttrici hanno prestato poca attenzione sono la rigidità delle arterie del paziente, la forma del bracciale per rilevare la pressione e del braccio del paziente.

Entrano poi in gioco ulteriori variabili quali l’età del paziente e la sua storia clinica, tutti fattori che simili apparecchi non sono in grado di prendere in considerazione.


Come prendere la pressione al meglio per evitare errori

Infine è anche indispensabile che la pressione arteriosa venga misurata correttamente, al fine di evitare errori nella misurazione.

Di seguito elenchiamo alcuni dei consigli più importanti da seguire prima e durante le misurazioni in casa:

  • Prima della misurazione stare a riposo e tranquilli per almeno 5 minuti;
  • Assumere la posizione corretta: schiena dritta, seduti, braccio appoggiato su una superficie, più o meno all’altezza del cuore;
  • Non parlare e non muoversi durante la misurazione;
  • Utilizzare un bracciale delle dimensioni ottimali rispetto al nostro braccio;
  • Non fumare né assumere alcolici almeno un’ora prima della misurazione;
  • Ripetere la misurazione 3 volte per essere sicuri che il risultato sia corretto;

Quando evitare di misurare la pressione in casa?

Ci sono alcune situazioni in cui la misurazione in casa della pressione non è consigliata, specie se il soggetto soffre di alcune patologie o particolari situazioni della vita, come diabete, donne in gravidanza o persone affette da grave obesità.

In tutti questi casi, ma anche in caso vi faccia sentire più al sicuro, sempre meglio farsi misurare la pressione da un medico specialista o magari recarsi in farmacia, dove anche viene offerto questo servizio.


Potrebbe anche interessarti:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Post recenti